La pratica della marcatura dell’ape regina è consigliata soprattutto agli apicoltori che possiedono un grosso numero di arnie in quanto rende più semplice e veloce l’individuazione della regina stessa durante le visite in apiario. La marcatura consiste nel colorare lo scudo toracico presente nella parte dorsale e che separa le ali della regina, con una vernice apposita.

Il colore scelto per la marcatura non è casuale ma segue una convenzione internazionale basata sull’anno di nascita della regina. In questo modo l’apicoltore è in grado di stabilire l’età della regina.

marcatura ape regina azzurro

 

I colori possibili sono 5 e si ripetono ciclicamente ogni cinque anni in ordine alfabetico: azzurro, il bianco, il giallo, il rosso ed il verde. Se si considerano anni di partenza quelli che terminano con uno zero o un cinque è facile ricavare il colore da applicare. Considerando che le regine non vivono più di 4-5 anni, la colorazione fornisce un utile riferimento sulla sua età.

Azzurro Bianco Giallo Rosso Verde
2015 2016 2017 2018 2019
2020 2021 2022 2023 2024

Il metodo migliore per catturare la regina consiste nel bloccarla a mani nude, questo per prevenire danni all’insetto. La regina deve essere tenuta ai fianchi, all’altezza del torace, con la mano sinistra (o viceversa se siamo mancini) in modo da tenere libera la parte dorsale e provvedere alla marcatura.

Un’alternativa alla cattura della regina consiste nell’utilizzo di un attrezzo auto costruito a forma di fionda, dove l’elastico ha la funzione di bloccare la regina sopra il favo mentre si procede alla marcatura.

In commercio esistono diversi attrezzi utili per la cattura della regina.

Per la marcatura vera e propria possiamo utilizzare diversi prodotti specifici come lacche e vernici alla nitro, anche se spesso è più comodo utilizzare dei semplici pennarelli indelebili. In alcune nazioni è diffuso l’utilizzo di dischi non solo colorati ma anche numerati. In questo modo è possibile associare un’ape regina a un’arnia particolare.

Marcatura ape regina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *